Categorie
di età 2014/15

Cerca nel sito

Area Riservata

accedi all'area riservata


News Editoriale
clicca per leggere
17/10/2014
calcio
C7 UNDER 14: iscrizioni aperte fino al 31ottobre
di Commissione Calcio
La Commissione Calcio promuove anche per questa stagione sportiva il campionato di CALCIO A 7 UNDER 14: iscrizioni aperte fino a venerdi 31 ottobre! [...]
clicca per leggere
28/10/2014
pallacanestro
Gli arbitri di basket a raduno
Sabato scorso si è svolta la riunione tecnico organizzativa alla presenza di oltre 20 direttori di gara [...]
clicca per leggere
27/10/2014
E' scomparsa Fernanda Imperia
Fernanda, una delle icone del basket giovanile romano, si è spenta ieri dopo lunga malattia. [...]
clicca per leggere
22/10/2014
A sostegno dei bambini autistici
Il libro dal titolo "Libri e ciambelle per Johnny" ha lo scopo di facilitare l'accesso alla lettura e all'uso della biblioteca da parte di bambini diversamente abili che hanno difficoltà a leggere lib [...]
clicca per leggere
21/10/2014
parrocchie
Incontri di formazione per Addetti all'arbitraggio
di F.P.
Iniziano gli incontri per gli addetti all'arbitraggio per le partite dell' Oratorio Cup . . . [...]
clicca per leggere
16/10/2014
calcio a 5
C5 OPEN FEMMINILE: ultimi giorni per iscriversi!
di Commissione Calcio
Ancora pochi giorni per aderire al campionato di CALCIO A 5 OPEN FEMMINILE: iscrizioni aperte fino a venerdi 17 ottobre! [...]
clicca per leggere
15/10/2014
Sono aperte le iscrizioni per il Polisportivo U8
Il Polisportivo U8 non è il classico torneo di calcio a5 ma è un’opportunità per aiutare i bambini ad esplorare la propria motricità e a mettersi in gioco. [...]
clicca per leggere
14/10/2014
calcio
Il calcio si conferma, il calcio a 5 è da record!
di Arvidas
Come sempre destinati ad inaugurare la stagione sportiva entrante, i massimi campionati di calcio e calcio a 5 vedono disputare in questi giorni le loro prime giornate [...]
14/10/2014
arti marziali
Corso ed esami passaggio di grado Karate
Il CSI Lazio organizza corsi Propedeutici obbligatori (di 6 ore) per i candidati agli esami Regionali 1°, 2° e 3° Dan. [...]
clicca per leggere
13/10/2014
Alla scoperta della naturopatia
Non una medicina alternativa, ma un modo per riscoprire l’energia interiore e sfruttarla per creare le migliori condizioni di benessere [...]
clicca per leggere
08/10/2014
parrocchie
La Coppa Roma lancia l'Oratorio Cup
di M.C.
Ben 38 sono le squadre partecipanti alla manifestazione d'apertura delle attività parrochiali. [...]
clicca per leggere
05/10/2014
ciclismo
Tutti gli appuntamenti di ottobre
di M.C.
I principali appuntamenti sono la conclusione della 6 Ore degli Etruschi, l'avvio del Roma Master Cross e la nuova Roar con assegnazione dei titoli regionali strada [...]
04/10/2014
ciclismo
Corso per giudici di ciclismo
Il 17 ottobre parte l’iter formativo a livello regionale, che si articola su tre moduli e contempla anche la fase di aggiornamento per i giudici già qualificati [...]
clicca per leggere
01/10/2014
Luigi Gedda, un cattolico a tutto campo
di M.C.
Sabato scorso si è svolto alla parrocchia S.Leone Magno alla Prenestina un interessante convegno che ci ha permesso di riscoprire, nell'attualità, l'insegnamento e i valori del nostro fondatore. [...]
15/09/2014
Chiarimenti sul certificato non agonistico
Il Ministero della Salute ha emanato le linee guida sulla certificazione medica dei praticanti le attività sportive non agonistiche [...]
13/09/2014
Auguri alla famiglia Zardi
Fiocco azzurro in casa Zardi: papà Federico e mamma Luigia festeggiano la nascita di Matteo [...]
10/09/2014
Mondiali di pallavolo a prezzi speciali
Il CSI Roma ha il piacere di rivolgere ai propri tesserati l'interessante offerta fatta dalla Fipav Lazio in vista dei mondiali di volley femminile di Roma [...]
10/09/2014
pallacanestro
Cassia 1000 cerca giocatori juniores
La società situata nei pressi di Ponte Milvio è alla ricerca di cestisti under 18 per formare la squadra da iscrivere al campionato Juniores [...]
Napoli-Roma, l'occasione per ripartire
di Arvidas

Napoli-Roma non sarà una partita come le altre. Ma noi ci auguriamo, riprendendo le parole del prefetto Panico, che diventi davvero l'occasione per dare un segnale e ripartire. Con l’assenza forzata, e del tutto giustificabile, dei tifosi giallorossi, toccherà ai napoletani dare questo segnale. Il Viminale la sua parte l’ha fatta: a distanza di una settimana ha indetto due convegni, uno nella capitale e uno nel capoluogo partenopeo, per affrontare il tema della violenza negli stadi, senza la pretesa di dare soluzioni, ma con l’unica intenzione di sensibilizzare, con un richiamo forte di responsabilità, la gente, i media, tutto il movimento calcistico e sportivo. Nel convegno di Napoli, anche la vedova Raciti ha dato un contributo importante, affermando che “bisogna educare chi utilizza impropriamente il nome di tifoso e per farlo bisogna adottare misure forti”; quella, per l'appunto, di lasciare a casa i romanisti. Nella sua memoria, e in quella di tutti gli sportivi veri, è rimasta impressa l’immagine di quel soggetto che, troneggiando in curva, inneggiava alla libertà per il criminale che aveva ucciso suo marito. Ma non è un caso isolato. Se il grosso del tifo organizzato sembra aver messo la testa a posto – e riteniamo di poter dire anche al di là della paura per i provvedimenti restrittivi che possono essere comminati – c’è sempre il rischio di azioni isolate, difficilmente prevedibili e ancor più difficilmente contrastabili. Ecco allora che la Roma andrà a Napoli addirittura in aereo, alloggerà in una località segreta e sarà trasferita allo stadio attraverso percorsi alternativi. Clima da guerriglia è dir poco. L’aspetto chiave, però, sarà l’accoglienza allo stadio. I fischi e gli insulti ci stanno, purtroppo il mondo del calcio è questo, ma il peggio non sarà assolutamente tollerabile. Di sicuro, questa partita sarebbe stato meglio giocarla in Kenia o in Norvegia, a porte rigorosamente chiuse, prevedendo altrettanto per il ritorno. D’altra parte, come dice il prefetto, bisogna in qualche modo ripartire, per non fare dei confronti tra Napoli e Roma un casus belli a tempo indeterminato. Come dire: cominciamo a mettere alla prova tutti quanti - tifosi, società sportive e calciatori - e vediamo cosa ne esce. Quel che si pretende, dunque, è ben più di un segnale di maturità. E’ la prova concreta che dopo aver toccato il fondo, con l’uccisione del povero Ciro Esposito e lo schierarsi a difese del reo, “fratello della curva” (ma fateci il piacere…), anche i più facinorosi e violenti si siano convinti che il calcio non deve mai più dar luogo a degenerazioni del genere. Per fare educazione, come diceva la vedova Raciti, occorre però una ferma presa di posizione da parte degli addetti ai lavori. Sino ad oggi (mercoledì 29 ottobre), hanno fatto un po’tutti i pesci in barile. E accettiamolo pure, perché c’è stata la valida “scusa” del turno infrasettimanale. Ma dal giorno dopo, non ci accontenteremo di frasi del tipo: si pensi solo al calcio; il calcio è solo un gioco; il calcio deve essere una festa. Occorrono gesti di distensione sinceri e inequivocabili. E l’abbraccio Totti-Higuain auspicato dal prefetto Panico sarebbe già qualcosa. Per quanto ci riguarda, vogliamo fare nostro l’appello dello zio di Ciro Esposito, che si allinea perfettamente alle parole del prefetto. “Napoli-Roma è il primo terreno in cui dimostrare che questa città è in grado di mantenere la dignità, l'orgoglio e la compostezza che ha dimostrato ai funerali di Ciro. Voglio fare un appello ai tifosi della Roma: Napoli si è dimostrata mille volte disponibile a tentativi di pacificazione ma per fare la pace bisogna essere in due, aspettiamo un segnale l'altra parte per intraprendere iniziative serie contro la violenza. Fino a quando non ci sono segnali seri di dialogo e pacificazione le forze dell'ordine fanno quello che possono, cioè vietare. La repressione è utile momentaneamente ma in prospettiva bisogna pacificare e non reprimere».