Categorie
di età 2014/15

Cerca nel sito

Area Riservata

accedi all'area riservata


News Editoriale
clicca per leggere
19/11/2014
nuoto
Le prime bracciate del Grand Prix
di Arvidas
Domenica scorsa, nella piscina del CSI Roma Est a Via Montona, ha preso il via il Grand Prix, la più grande manifestazione in ambito romano al di fuori del circuito federale [...]
clicca per leggere
18/11/2014
pallavolo
Skywalkers, undicesimo sigillo
di Nazzareno Midei
Nello stupendo scenario del Parco della Madonnetta di Acilia, 10 squadre e quasi 180 atleti si sono dati battaglia durante le 20 gare disputate nell'ambito del Sunday Volley [...]
clicca per leggere
13/11/2014
E'nata Chiara Funari
Fiocco rosa in casa Funari, è nata la piccola Chiara. Tanti auguri e felicitazioni dagli amici del CSI [...]
clicca per leggere
06/11/2014
pallacanestro
Un Open sempre ricco
di Arvidas
Sono ben 45 le squadre iscritte al massimo campionato maschile, che di fatto può essere considerato un campionato regionale, estendendosi da Capranica ad Anagni [...]
clicca per leggere
04/11/2014
Tutto su Open F, Juniores e Allievi
Per le tre categorie la stagione è in fase di partenza. Per gli Juniores la Coppa CSI precede il campionato, le cui iscrizioni sono quindi ancora aperte. [...]
clicca per leggere
04/11/2014
Oratorio Cup: 182 squadre al via!
di Arvidas
La parrocchia Giovanni XXIII a Mezzocammino ha ospitato la riunione di presentazione dei calendari della manifestazione dedicata alle parrocchie, che ha toccato un nuovo record. [...]
clicca per leggere
03/11/2014
parrocchie
Don Alessio Albertini in visita al Santa Silvia
Il 30 ottobre la Parrocchia di Santa Silvia ha ricevuto la visita di Don Alessio Albertini. Ad accogliere il Consulente Ecclesiastico Nazionale CSI il parroco don Paolo Ricciardi e don Alfredo Tedesco [...]
clicca per leggere
28/10/2014
pallacanestro
Gli arbitri di basket a raduno
Sabato scorso si è svolta la riunione tecnico organizzativa alla presenza di oltre 20 direttori di gara [...]
clicca per leggere
22/10/2014
A sostegno dei bambini autistici
Il libro dal titolo "Libri e ciambelle per Johnny" ha lo scopo di facilitare l'accesso alla lettura e all'uso della biblioteca da parte di bambini diversamente abili che hanno difficoltà a leggere lib [...]
clicca per leggere
21/10/2014
parrocchie
Incontri di formazione per Addetti all'arbitraggio
di F.P.
Iniziano gli incontri per gli addetti all'arbitraggio per le partite dell' Oratorio Cup . . . [...]
clicca per leggere
17/10/2014
calcio
C7 UNDER 14: iscrizioni aperte fino al 31ottobre
di Commissione Calcio
La Commissione Calcio promuove anche per questa stagione sportiva il campionato di CALCIO A 7 UNDER 14: iscrizioni aperte fino a venerdi 31 ottobre! [...]
clicca per leggere
16/10/2014
calcio a 5
C5 OPEN FEMMINILE: ultimi giorni per iscriversi!
di Commissione Calcio
Ancora pochi giorni per aderire al campionato di CALCIO A 5 OPEN FEMMINILE: iscrizioni aperte fino a venerdi 17 ottobre! [...]
clicca per leggere
15/10/2014
Sono aperte le iscrizioni per il Polisportivo U8
Il Polisportivo U8 non è il classico torneo di calcio a5 ma è un’opportunità per aiutare i bambini ad esplorare la propria motricità e a mettersi in gioco. [...]
14/10/2014
arti marziali
Corso ed esami passaggio di grado Karate
Il CSI Lazio organizza corsi Propedeutici obbligatori (di 6 ore) per i candidati agli esami Regionali 1°, 2° e 3° Dan. [...]
clicca per leggere
14/10/2014
calcio
Il calcio si conferma, il calcio a 5 è da record!
di Arvidas
Come sempre destinati ad inaugurare la stagione sportiva entrante, i massimi campionati di calcio e calcio a 5 vedono disputare in questi giorni le loro prime giornate [...]
clicca per leggere
13/10/2014
Alla scoperta della naturopatia
Non una medicina alternativa, ma un modo per riscoprire l’energia interiore e sfruttarla per creare le migliori condizioni di benessere [...]
clicca per leggere
08/10/2014
parrocchie
La Coppa Roma lancia l'Oratorio Cup
di M.C.
Ben 38 sono le squadre partecipanti alla manifestazione d'apertura delle attività parrochiali. [...]
clicca per leggere
05/10/2014
ciclismo
Tutti gli appuntamenti di ottobre
di M.C.
I principali appuntamenti sono la conclusione della 6 Ore degli Etruschi, l'avvio del Roma Master Cross e la nuova Roar con assegnazione dei titoli regionali strada [...]
clicca per leggere
01/10/2014
Luigi Gedda, un cattolico a tutto campo
di M.C.
Sabato scorso si è svolto alla parrocchia S.Leone Magno alla Prenestina un interessante convegno che ci ha permesso di riscoprire, nell'attualità, l'insegnamento e i valori del nostro fondatore. [...]
Aquila Rugby, l'emblema di una città ferita
di Arvidas

In un’Italia dove il distacco fra lo Stato e la gente non era mai stato così forte se non come durante gli “anni di piombo”, la sentenza che alcuni giorni fa ha dato un colpo di spugna alle responsabilità della Commissione Grandi Rischi riguardo la tragedia del terremoto de L’Aquila ha aggiunto ulteriore indignazione, almeno nel popolo abruzzese. Le grida alla vergogna, allo Stato che difende se stesso, alle mafie che imperversano nelle alte sfere si sono levate strazianti, ma in pochi, a dir la verità, le hanno sostenute, al di là del puro e semplice “dovere di cronaca”. Il fatto, forse a molti sconosciuto, è questo: pochi giorni prima del sisma, la suddetta Commissione, composta da esperti di vario tipo, si era riunita per fare il punto della situazione e valutare le misure da mettere in atto in considerazione dello sciame sismico che interessava da giorni la città. Ne uscì un messaggio tranquillizzante: non c’era pericolo in quanto si trattava di un semplice “scarico di energia”. Gli effetti, purtroppo, sono stai ben altri, sbugiardando in maniera clamorosa gli “scienziati” (che lo sono di fatto, ma ormai meritano solo le virgolette) che lo formularono. In primo grado furono tutti condannati, ma in appello la sentenza è stata completamente ribaltata: l’unico colpevole è risultato il vicecapo della Protezione Civile, autore materiale della comunicazione poi resa alla cittadinanza, che a quel punto non ebbe più motivo di mettere in atto le azioni di tutela tipiche di uno “stato di allerta”. In sostanza, è stato sancito il principio che è l’ambasciator a portare pena ed anzi, il responsabile è soltanto lui! Ci sarà modo e tempo per riaffrontare la questione in Cassazione. Nell’attesa, la storica squadra di rugby de L’Aquila ha deciso di tenere alta l’attenzione mediatica sulla questione. Sin dall’inizio del campionato di Eccellenza, il quindici abruzzese ha lanciato una collezione unica di maglie evento, dove i classici colori sociali neroverdi sono sostituiti dalle raffigurazioni di alcuni monumenti in restauro patrimonio del città e simbolo della storia e dell’arte aquilana. Domenica 16 novembre, in occasione della partita col Rugby Roma, la squadra ha dato eco alla ribellione e allo sgomento della propria gente scendendo in campo con una maglia con su scritto: “6 Aprile 2009: Il fatto non sussiste”, che è in sintesi il dispositivo della sentenza. Il forte gesto è stato spiegato da un comunicato stampa nel quale si legge: Una decisione della società che ha inteso, così, manifestare vicinanza e partecipazione al dolore dei familiari delle vittime del terremoto e di una città intera, ferita e attonita per la decisione del collegio giudicante della Corte d’Appello che ha ribaltato la sentenza di condanna, in primo grado, dei sette membri della Commissione Grandi rischi, riunita a L’Aquila il 31 marzo 2009. Un segno di compostezza e civiltà che fa onore al club e ai suoi giocatori. Per loro, tristemente fermi a zero punti in classifica e quindi destinati all’immediato ritorno in A1, il campionato ormai è un qualcosa che va ben oltre lo sport, non per mancanza di interesse o di impegno, ma per un evidente deficit di risorse rispetto alle altre società. Del resto, il solo fatto che possano ancora competere ai più alti livelli del rugby nazionale è già un risultato meraviglioso. Alla loro tenacia e al loro coraggio rivolgiamo tutto il nostro plauso, stringendoci a loro per la grande amarezza che stanno ora vivendo per la sentenza di cui abbiamo parlato. Non invochiamo la giustizia divina, come qualcuno ha fatto, ma solo quella degli uomini, auspicando che, almeno stavolta, si schieri dalla parte dei più deboli.