Belle Arti e Don Bosco Gaeta B vincono lo Sport&Go regionale

Un grande pomeriggio di sport, tanto sport, per le 8 squadre finaliste dei tornei Under 12 e Under 10 dello Sport&Go, formula ideata dal CSI per estendere gli orizzonti dei ragazzini appassionati di calcio a 5, coinvolgendoli in un percorso di atletismo puro.

Lanciare, correre, saltare. I più anziani ricorderanno che questo era il motto del grande Giulio Onesti, forse il più celebrato presidente del Coni, che nel 1968 lanciò i Giochi della Gioventù proprio per riportare gli adolescenti e i ragazzi alla pratica delle discipline di base e di maggior impatto formativo.
Rivisitato nel terzo millennio, questo motto non cambia nei contenuti ma nella forma, che è estremamente dinamica come del resto si evince dal titolo stesso della manifestazione. Sport&Go dà proprio un senso di velocità, di trampolino di lancio verso i traguardi che la vita ci pone di volta in volta, di sport che diventa gioco e viceversa.

Ed è bello notare che, di anno in anno, le nostre società stanno assimilando sempre più questo messaggio.
Sia nel lancio del vortex, che nel salto in lungo che nella corsa sui 60mt nessuno l’ha presa alla leggera, anzi, tutti i ragazzi hanno gareggiato al meglio delle loro possibilità, ben sapendo che l’esito di queste prove avrebbe potuto avere un’incidenza sulla classifica finale, ma soprattutto animati dall’entusiasmo di cimentarsi in attività per loro non proprio usuali.

A tal proposito, vale la pena menzionare i migliori in assoluto. Nella categoria Under 10 il più bravo è stato Alessandro Dal Degan delle Discipline Belle Arti, con 20 punti; dietro di lui a quota 18 Gabriele Piccioni del New Team (Romanina Calcio a 5); al terzo posto un terzetto con 16 pt.: Valerio Quaresima, anch’egli del Romanina, Riccardo Pasimeni del Belle Arti e Alessandro Medina del Don Bosco B Gaeta.
Nella categoria Under 12 applausi a Flavio Iafolla del Circolo Parrocchiale S.Anna, che ha totalizzato ben 26 punti; a seguire il portierino del Don Bosco Gaeta B, Diego Pitotti, con 24 e il tandem composto da Emanuele Caponera ( Santa Gemma) e Francesco Santaniello (S.Anna)  con 22.

Agli effetti delle classifiche finali, comunque, le prove polisportive non hanno alterato la sostanza delle classifiche tecniche. A livello Under 10 il Discipline Belle Arti, inattaccabile per le sue 3 vittorie 3 nel calcio a 5, si è comunque tolto la soddisfazione di prendere 3 punti nel triathlon. Il New Team è giunto secondo grazie a 4 + 2 punti. Per il Don Bosco Gaeta A abbiamo un 5+0 e per la squadra B uno 0+1.

Nell’Under 12, il Don Bosco Gaeta B ha vinto solo grazie alle 3 vittorie nel calcio a 5, visto che nel triathlon è rimasto a quota 0. Così, se non altro, il Gaeta A ha contenuto il divario entro un solo punto, avendo chiuso con un 6+2. Il Santa Gemma è terzo con 3+1, mentre il Sant’Anna, che ha perso tutte le partite, ha avuto il merito di essere il migliore nel polisportivo, conquistando 3 punti.

Correttezza quasi assoluta nelle 12 partite disputate (3 tempi da 10’), visto che ci sono state solo 3 ammonizioni e un’espulsione temporanea. Ma è altrettanto importante rilevare la correttezza di tutti gli altri tesserati e del pubblico.

Insomma, l’unico vero neo è stato il maltempo, per quanto poi siamo stati miracolati anche in questo: la pioggia si è limitata a funestare il lavoro dello staff diretto da Daniele Zaccardi per la parte tecnica e dal presidente regionale Daniele Rosini, ma una volta cominciati i giochi, il sole ha cominciato a fare timidamente capolino, sin poi arrivare quasi a splendere.

  • 20/05/2019

Galleria

Condividi

    Categorie

    Le altre notizie