Gli uffici del CSI Roma rimarranno chiusi fino a nuove disposizioni governative. Per qualsiasi comunicazione o informazione inviare una e-mail a csiroma@csiroma.com

Una società al giorno: RomaCammina

RomaCammina è una ASD che fa parte della Scuola Italiana di Nordic Walking/camminata sportiva, e che nei mesi scorsi ha stretto un accordo col CSI Roma per promuovere ulteriormente la propria attività, a cui attualmente aderiscono circa 180 persone.

Donatella, adesso che certi divieti sono caduti per voi è il momento di ricominciare alla grande, ma a quali condizioni?
Proprio ieri abbiamo ricevuto il protocollo che detta le condizioni per tornare a svolgere attività di gruppo; perciò, già da lunedì 25 maggio saremo pronti ad accogliere i nostri tesserati per gli allenamenti. Il problema è che questo protocollo è molto burocratico, imponendo maggiori responsabilità ai conduttori e maggiore impegno ai camminatori. Pensiamo innanzitutto all’autocertificazione che viene richiesta a tutti i partecipanti nel momento in cui ci si raduna e all’obbligo di portare la mascherina in ogni caso, perché nel momento in cui si incontrano altre persone o il tracciato non consente di procedere sparpagliati,  le distanze fra i singoli tendono a ridursi. La nostra raccomandazione, tratta dal protocollo belga, è di mantenersi a una distanza precauzionale di 4 metri. Inoltre, c’è la questione dei bastoncini che non tutti hanno, sicchè dobbiamo prestarli noi insieme ai guantini e provvedere alla loro sanificazione tutte le volte.Rimane l’interrogativo sul numero di persone che possono essere aggregate, dato che non vi è nessuna indicazione in merito, nemmeno dalla Regione Lazio.

A proposito di mascherina,  come si fa a camminare ad una certa andatura senza risentirne sul piano della respirazione?
Infatti  questo è uno dei problemi principali; con la mascherina si finisce per respirare anidride carbonica. Pertanto, come dicevo prima, dovremo sempre verificare sul momento se esistono le condizioni per indossarla o meno. Se questo possa costituire disincentivante per i camminatori non posso dirlo a priori, ma per l’entusiasmo e la continuità con cui i nostri ci hanno seguiti durante il lockdown, dove abbiamo persino registrato nuovi iscritti, ritengo che questa eventualità sia abbastanza remota. La voglia di camminare è tanta, così come quella di stare insieme, anche se a distanza, e grazie a ciò sono sicura che ripartiremo di slancio. Poi, come da tutte le parti, ci sono persone più ansiose e altre che tendono a minimizzare i rischi di contagio, perciò dovremo trovare un equilibrio pure su questo 

Puoi riepilogare quanto avete fatto dal 9 marzo in poi?
Già dal 10 marzo abbiamo cominciato a lavorare online, presentando un totale di 12 video tutorial su singoli aspetti tecnici quali la tonificazione, l’allungamento, il perfezionamento tecnico del gesto, la stimolazione del piede, i giochi con il bastoncino, ecc. Inoltre, abbiamo creato delle palestre virtuali su whatsapp  per i diversi tipi di attività e proposto 6 incontri live su piattaforma Zoom per degli allenamenti alla presenza di 3 istruttori. Da ricordare ancora il grande evento nazionale della camminata virtuale del 25 aprile, che ha avuto grande seguito. In definitiva, questo periodo è stato una scommessa per tutti, ma già quando sono partite le prime uscite individuali assistite abbiamo riscontrato che quanto avevamo fatto fino ad allora è andato a buon fine. Adesso, ricominceremo soltanto con gli allenamenti. Per gli altri eventi e le escursioni se ne parlerà più avanti.

La vostra esperienza nel CSI?
Il CSI ci ha dato sicurezza e professionalità, oltre alla possibilità di estendere il nostro raggio di azione, proponendo, nel corso dei vostri eventi, dei punti di incontro con la nostra associazione e con la nostra disciplina, dove possiamo illustrare tutto quel che facciamo e offrire delle dimostrazioni gratuite.







  • 21/05/2020

Galleria

Condividi