Gli uffici del CSI Roma rimarranno chiusi fino a nuove disposizioni governative. Per qualsiasi comunicazione o informazione inviare una e-mail a csiroma@csiroma.com

Una società al giorno: G.C. Flavio 91


Da quasi trent’anni sulla breccia del calcio amatoriale romano, il GC Flavio calca da tempo le nostre scene ed è cresciuto gradatamente, come conferma il raggiungimento delle finali regionali dello scorso anno e l’ottimo posizionamento nella classifica di questa stagione.

Un vero peccato interrompere tutto sul più bello, vero?
E’ dispiaciuto a noi come a tutti.  Per chi come noi ha il piacere di andare al campo 2 o 3 volte la settimana, a prescindere dai risultati, è stato una sofferenza vedersi privati sia dello sfogo fisico che del fatto socializzante. Del resto, lavorando in ospedale mi sono reso conto subito che non si poteva fare altrimenti. Magari qualcuno può aver drammatizzato eccessivamente la situazione, ma le scelte fatte dalle istituzioni erano doverose e giuste, anche perché non era possibile applicare regole diverse da regione e regione.

Dal punto di vista calcistico quali strascichi lascerà questa epidemia?
Credo nessuna in particolare. Siamo un gruppo solido, di gente adulta, che ha preso la cosa con senso di responsabilità e senza isterismi. Abbiamo continuato a sentirci e a fare attività individuale per tornare forti come prima. Anzi, secondo me questo periodo è servito a cementare ancora di più i rapporti fra di noi. E penso che questo discorso valga per tutte le squadre del campionato Open CSI che, devo dire, migliora tecnicamente di anno in anno. Quindi dobbiamo darci da fare!

Sappiamo che siete amici di Eusebio di Francesco. Avete continuato a sentirlo?
Si, Eusebio è un amico di vecchia data, quando lo chiamiamo ci risponde sempre. Ha giocato pure con noi una stagione una decina d’anni fa e ci da sempre molti consigli, ma soprattutto sostegno dal punto di vista morale. E’ un grosso stimolo avere contatti con persone di alto livello come lui. Tra l’altro, aggiungo che non è l’unico atleta di spicco con cui abbiamo avuto a che fare. Varie volte, ad esempio, abbiamo avuto la possibilità di affrontare in amichevoli squadre di ex calciatori di serie A. Sono momenti di crescita straordinari.

Quando pensate che si tornerà in campo?
Non credo prima dell’autunno. La cautela in questi casi è doverosa, perché se è vero che il virus lo stiamo sconfiggendo tutti insieme, è pure vero che, fin quando non ci sarà un vaccino, il pericolo di un suo ritorno nei mesi prossimi deve farci stare in guardia. Avremo tutto il tempo per tornare a divertirci dando calci al pallone…








  • 18/05/2020

Galleria

Condividi